Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 11
 
 


2009,
Numero 11

Appello al Pen-Club di Vaclav Havel

di Vaclav Havel

Questa lettera č stata inviata al congresso internazionale degli scrittori del Pen-Club di Stoccolma dallo scrittore Vaclav Havel. Havel era stato invitato a parteciparvi, ma ha preferito rinunciarvi, perché il passaporto cecoslovacco o gli sarebbe stato negato o concesso soltanto per impedirgli poi di rientrare in patria e trasformarlo cosě in emigrante forzato. La lettera di Havel č stata letta dal fisico cecoslovacco Frantisek Janouch, che da due anni vive in esilio in Svezia.
Signore e signori, cari colleghi, il mese scorso a Brno sono stati gettati in carcere tre giovani: l’operaio Petr Cibulka, il bibliotecario Libar Chhupek e l’apprendista fornaio Petr Pospěchal. Sono accusati di sovversione, reato di cui si sarebbero resi colpevoli per aver copiato dei testi non pubblicati di autori cechi, tra cui anch’io, e per essersi procurati dei nastri di magnetofono su cui erano incisi testi musicali di cantanti e complessi musicali non conformisti. In sostanza essi hanno fatto proprio quello che faccio anch’io quando diffondo in pochi esemplari delle copie battute a macchina di libri che non possono essere pubblicati in Cecoslovacchia e quando mi procuro delle incisioni di cantanti e...