Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Tornerà l’Avanti! Perchè sempre “Di qui si passa”

Nel pensiero di Critica Sociale la terza rinascita del quotidiano dei lavoratori per la Terza Repubblica
di Rino Formica

Tra i partiti politici in Parlamento ed il governo tecnico-presidenziale di Monti è in corso un duello riservato e confidenziale, il cui esito appare ignoto agli stessi protagonisti. Tutto fa ritenere che i duellanti siano stati trascinati nella sfida senza avere la piena consapevolezza dell’alto livello dello scontro. Forse è stata la forza delle cose ad imporre una svolta istituzionale a due protagonisti così diversi ed inconsapevoli.
In tutto il mondo in generale ed in Italia in particolare, si vive all’interno di Stati-nazioni, inadeguati ed insufficienti a fronteggiare la complessità istituzionale della globalizzazione. In economia troviamo risposte, anche crudeli al superamento del limite nazionale, ma in politica il sovranazionale è o inaccettabile o fumoso e velleitario. Nella storia dei popoli ogni fine di ciclo che modifica gli equilibri di potere sociale investe gli assetti istituzionali e mette in discussione i fondamentali costituzionali.
In Italia è già successo durante il ‘900. Nel 1923/1928 il fascismo diede una soluzione autoritaria alla crisi del Parlamento e dei partiti politici che non avevano capito la vastità del conflitto sociale provocato dalla guerra e la t...