Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Il danno del Maggioritario. “Falso e bugiardo”, come lo definiva Craxi

Senza l’iniziativa del Presidente Napolitano saremmo allo sfacelo
di Paolo Pillitteri

Quando Carlo Tognoli parla di riformismo, mi vengono alla mente diversi incontri che ho avuto molti anni fa con Giuseppe Saragat: stavo seguendo un libro su Anna Kuliscioff e mi interessava sapere cosa ne pensasse. In uno di questi incontri (ero suo ospite a tavola) si cominciò a parlare della socialdemocrazia, del socialismo, dei socialdemocratici e pertanto gli chiesi: Ma come dovremmo chiamarti? Socialista, socialdemocratico, riformista? E lui: “Riformista? Sì. Ma socialdemocratico io preferirei pronunciarlo staccato: socialista democratico, meglio austro-marxista”. Per dire come le terminologie hanno questa specie di desemantizzazione, perdono certe volte significato soprattutto quando se ne abusa.
Ho proposto, e lo confermo, una moratoria (almeno per un anno/un anno e mezzo) rispetto ad alcune parole, per esempio potremmo non pronunciare più la parola “casta”. Pensiamo a quante volte viene pronunciata in un giorno la parola “casta”, ritenendo che dicendo quella parola ci si liberi da qualsiasi male e soprattutto si vadano a risolvere dei problemi che sono molto, ma molto, più gravi di quanto comporti il termine spregiativo che da quattro-cinque anni viene utilizzato. E se ci f...