Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Tremonti: “l’Italia stretta tra due crisi”

Prossima uscita di un libro-manifesto dell’ex ministro. Le anticipazioni e una lettera aperta dell’Avanti!
di Dall'Avanti! Nuova Serie

“Una manovra andava fatta. L’avremmo fatta anche noi, magari con strumenti diversi, con una meccanica diversa e probabilmente non così sbilanciata dal lato delle tasse. Questo è oggettivo: è una manovra troppo sbilanciata sull’IVA, sulla benzina, sulle bollette, sulla casa, sulle addizionali. Vuol dire che colpisce tutti e incide soprattutto dal “lato basso” invece che dal “lato alto”.
“Da almeno un anno questo Paese si è in qualche modo cannibalizzato dove tutti dicevano tutto sul mestiere degli altri. C’era chi doveva occuparsi supponiamo di un argomento e parlava dell’altro, c’era uno che doveva fare bene il suo mestiere e ti diceva che faceva male un altro, andavi all’Estero e pur con molto positivo apprezzamento su tante cose ti dicevano: “Ma in Italia si parla male dell’Italia”. Questo è il punto che ci ha devastato, il fatto che tutti parlavano male degli altri italiani e dell’Italia. La cosa positiva di questa fase politica è che la lite è stata sostituita da una tregua. Non era solo lite tra partiti politici o contrasti in Parlamento, ma era proprio un generale tono di distruzione di tutto quello che era stato fatto e di tutto quello che c’era. Questo l’Italia l’ha pagato ...