Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Leonida Bissolati. “Il compagno Pelloux”

I direttori dell’Avanti! dalla nascita al fascismo
di Dall'Avanti! Nuova Serie

La spinta decisiva alla unificazione delle opposizioni data dal governo. Alle repressioni sanguinose Pelloux intende far seguire la reazione legale, approvata dal Parlamento e fatta legge del regno: la difesa della libertà diventa così la bandiera dell’opposizione.
Già dal dicembre del ‘98, quando i provvedimenti illiberali di Pelloux non sono ancora stati presentati al Parlamento, l’Avanti! traccia, in una serie di articoli, la linea condotta da seguirsi, che è quella di battersi con assoluta intransigenza e rifiutare ogni tregua fino a quando la libertà non sia stata integralmente restaurata nel Paese, e la sua conservazione non sia stata garantita dalle dimissioni del governo. Bissolati e Treves, Bonomi e Cabrini, Salvemini e Modigliani, Ferri e Prampolini, si alternano sulle colone del giornale per ribadire tale volontà di lotta senza compromessi; per denunciare la degenerazione di un gruppo politico che pur dichiara di ispirarsi al liberalismo classe cavourriano e che del liberalismo sta consumando il peggior tradimento; per proporre un fronte unico di tutte le forze democratiche; per dichiarare infine che l’opposizione rifiuterà ogni collaborazione col governo, ogni con...