Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Giacinto Menotti Serrati. La scissione di Torino precede “Livorno ‘21”

I direttori dell’Avanti! dalla nascita al fascismo
di Dall'Avanti! Nuova Serie

L’attività precongressuale si svolge, sul finire del 1920, in un clima di accanimento e di tensione senza precedenti. In vista della scissione le varie correnti svolgono un intenso lavoro organizzativo oltre che propagandistico, regolarmente registrato dall’Avanti!. Il dibattito però non è né sereno, né approfondito. I problemi relativi alla ormai grave situazione interna italiana vi affiorano appena e non trovano sviluppo. Tutta l’attenzione è polarizzata intorno alle tesi di Mosca, ma anche qui manca ogni tentativo di discuterle nel loro insieme, di rendersi conto della loro reale portata. L’accettazione di esse implica per i partiti un’autentica rivoluzione, un radicale cambiamento di statuti, di programmi, di principi, ma di questo soltanto i riformisti sembrano essere consapevoli. Serrati invece imposta e conduce il dibattito in termini di difesa dell’unità del partito e di rivendicazione dei suoi singolari meriti, e su questo terreno rimane la grande maggioranza che a lui fa capo.
Il congresso ha luogo a Livorno, nel gennaio del 1921, e conclude tutta una fase della storia del socialismo italiano. Serrati vi ha parte di protagonista, con un appassionato discorso che contribui...