Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Reprint: gli esordi

Una selezione di articoli del periodo 1897-1899. La documentazione è custodita nell’archivio della Fondazione Giuseppe Di Vagno (Conversano)
di Dall'Avanti! Nuova Serie

Nel suo primo triennio di vita, dal 25 dicembre 1896 e il 31 dicembre 1899, l’Avanti! si trovò a dover raccontare gli anni più difficili fino ad allora vissuti dall’ancor giovane stato unitario. Erano gli anni in cui giunse al suo culmine la cosiddetta crisi di fine secolo e in cui i nodi non risolti e le insufficienze accumulate in un trentennio circa di vita nazionale vennero alla luce in maniera clamorosa, sospinti da condizioni internazionali non certo tra le più favorevoli. Direttore era allora Leonida Bissolati, che firmò tutti i numeri della testata tranne quelli del periodo metà maggio – metà luglio 1898, siglati da Enrico Ferri perché il direttore in carica fu arrestato nell’ambito della repressione che seguì le manifestazioni popolari della primavera di quell’anno contro il rincaro del grano e il dilagare della disoccupazione.
In questo quadro il giornale, pur non trascurando argomenti culturali e sociali d’attualità, nonché importanti vicende estere, come il caso Dreyfus o la sollevazione contro il dominio ottomano dei greci di Creta, concentrò la sua attenzione, oltre che sulle cronache degli avvenimenti italiani, anche sull’analisi delle cause della crisi e sulle possi...