Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

Conquistare i nuovi movimenti. Entrare nelle contraddizioni per fare proposte

Vale la pena tentare con convinzione ed entusiasmo
di Nuccio Abbondanza

Un difetto dei socialisti, ne hanno sempre avuti tanti, in genere è quello della prolissità, soprattutto nell’assedio del succo gastrico. Ecco, io cercherò di evitarlo nella maniera più accurata. Una battuta. Qualcuno mi ha detto che Sarkozy è stato battuto e quindi Hollande ha vinto perché Sarkozy non avrebbe mai potuto dire ad Hollande: “Taci tu che sei stato comunista”. Questa situazione non credo sia ripetibile in Italia, nel senso che la sinistra italiana attuale (democratici, ex PDS, ex DS etc.) cambia continuamente il nome, ma non le facce.
Per esempio, a Milano è stata inaugurata una piazza a Berlinguer. Io sono stato (ormai sono vecchio) un giovane dirigente comunista nel Circolo Banfi, che era un circolo molto prestigioso ai tempi; ne facevano parte Rossanda, Magri, Notarianni e lo stesso Occhetto. Quando arrivava il vicesegretario Berlinguer, noi lo consideravamo - soprattutto loro perché io sono arrivato un po’ dopo - un po’ un oscuro burocrate, anche un po’ ignorante dal punto di vista della elaborazione. Il segretario allora era Longo, personaggio di grande umanità con ombre e luci. Il fatto che oggi Milano, la nostra Milano, dedichi una piazza a Berlinguer mi fa un ...