Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 12
 
 


2012,
Numero 12

L'Iri e il saccheggio dell'economia

2000 - Numero 6
di Massimo Pini

Dalla nascita nel 1933, fino alla messa in liquidazione del 28 giugno 2000 l'Istituto per la Ricostruzione Industriale, meglio conosciuto con la sigla IRI, è stato il protagonista più emblematico del sistema economico “misto” italiano, in cui pubblico e privato (ma anche economia e politica) si sono fin troppo spesso intrecciati.
Eppure per tutti gli anni Sessanta l'IRI è stato il motore dello sviluppo economico per poi trasformarsi in strumento di interventi contro la disoccupazione e per rimediare agli errori di gestione degli imprenditori privati. Con questa analisi, Massimo Pini ripercorre le vicende spesso oscure della storia dell'IRI: dalle realizzazioni delle origini alle circostanze che ne determinarono la crisi finanziaria, fino alla singolare vicenda di colui che durante gran parte degli anni Ottanta ha guidato un IRI non risanato, nonostante la gigantesca iniezione di denaro pubblico. Sette anni di presidenza quelli di Romano Prodi nei quali l'Istituto non ha certo mostrato il suo volto migliore: dal “pasticciaccio brutto” della SME alla vendita dell'Alfa Romeo, dal crac del settore siderurgico allo scandalo dei fondi neri.
Infine l'IRI è stato l...