Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
Napolitano, un indirizzo e una lezione
foto Ancora impegno del Presidente per trovare un equilibrio in vista del dibattito parlamentare e dell'incontro tra partiti e parti sociali
UNITA' POLITICA E SOCIALE
PER IL RISANAMENTO
E LA CRESCITA ECONOMICA


Critica Sociale

"Nell'attuale momento la parola è alle forze politiche, di governo e di opposizione, chiamate a confrontarsi con le parti sociali sulle scelte da compiere per stimolare decisamente l'indispensabile crescita dell'economia e dell'occupazione, a integrazione delle decisioni sui conti pubblici volte a conseguire il pareggio di bilancio nel 2014".


L'alternativa tra le due "scuole", tagli o crescita,  manovra per riportare in pareggio i conti dello Stato o politiche di rilancio dell'economica, è, nella dichiarazione del Presidente Napolitano, una falsa alternativa. Questo noi vi leggiamo. Perché lo si sia fatto credere, è un problema di fragilità del quadro politico che origina a sua volta dalla precarietà del sistema, argomento su cui è importante tornare a riflettere con urgenza.
Intanto la dichiarazione del Presidente della Repubblica chiarisce, a nostro avviso, una questione di merito e di metodo ad un tempo.
E sollecita verso la fiducia "patriottica" quando indica nella coesione politica e sociale del paese l'unica forza in grado di contrastare i raiders della speculazione finanziaria, sia internazionali che quelli mirati allo specifico obiettivo italiano.
In questo "patriottismo unitario", politico e sociale, c'è la consapevolezza della efficacia concreta delle forze morali, che una giusta guida del governo unita ad una adeguata consapevolezza dei parlamentari di essere (seppur con una legge elettorale che lo fa dimenticare troppo facilmente)  obbligati a rispondere alla rappresentanza nazionale ( prima ancora che alla propria bandiera di maggioranza o di opposizione), possono suscitare energia tra i cittadini e dunque, innanzitutto, volontà tra le parti sociali all'intesa, non auspicabile, ma indispensabile.

In questo quadro passano in secondo piano le querelle sui rapporti tra le fazioni e nelle fazioni, i giri di valzer, le dimissioni da dare per essere respinte, gli alzarsi per rimettersi a sedere, ecc. Il punto è che chi sostiene la scuola della "crescita" comprenderà bene che il primo fattore di ostacolo è proprio la conflittualità interna alla maggioranza ed in particolare col ministro del Tesoro che colloca patrimonio nazionale sui mercati mentre viene indebolito in casa: risultato, il patrimonio si svaluta a parità di debito e per far toprnare i conti serviranno nuove tasse o nuovi tagli. Tutto il contrario di quel che serve alla crescita.
Ragioni di bottega, quindi, che rifiutano di voler vedere che le due cose vanno  necessariamente assieme.
Quella del Presidente Napolitano è una dichiarazione importante, perché, dopo 20 anni di chiassate, essa ha un valore innanzitutto educativo per una classe dirigente che dovrà meritarsi di esserlo soprattuto dopo il 2013 attraverso un secondo passo successivo: quello di ricevere il proprio carisma da istituzioni restituite alla partecipazione dei cittadini per "concorrere alla definizione della politica nazionale". Così si accordarono nella stesura della Costituzione partiti avversi tra loro e in Guerra fredda. Figuriamoci oggi se questo non sia possibile più agevolmente. Chi vi si oppone sarebbe politicamente da esiliare.

E' dunque il superamento della seconda repubblica  (ovvero la subordinazione internazionale a fini di fazione affaristica, e la contestuale secessione non di territori, ma di poteri e ordini dello Stato tra loro) che può salvare il paese dal forte pericolo di bancarotta, restituendo, nel contempo, un ruolo attivo all'Italia (lo è nel suo stesso interesse) alla riorganizzazione delle istituzioni politiche e sociali europee, la cui assenza ha esposto la moneta unica e la nostra economia alle incursioni di fondi sovrani pubblici o privati, sicuramente contro gli interessi delle società occidentali,  e mettendo in pericolo la democrazia.



Come i Fondi gestione patrimoniali condizionano i PIL e i governi nazionali
I"MASTER OF UNIVERSE"
E SOVRANITA' NAZIONALI


L'esempio del caso Black Rock: come un grande fondo di risparmio partecipi nei maggiori gruppi quotati in Borsa, sposti capitali da uno Stato all'altro e possieda le società di rating. In questo caso entrambe le principali: Moody's e S&P.
Sono loro che decidono se mettere o togliere soldi in questo o quel paese, attraverso queste o quelle banche, incidendo con i patrimoni amministrati su quote di Pil tali da condizionare gli stessi governi nazionali.
Naturalmente fanno anche le politiche dei cambi e dei crediti che le loro banche adottano verso imprese e famiglie.
Un grosso problema sociale, classista, ma pur sempre minore rispetto alla somma delle volontà politiche internazionali se associate ed indirizzate ad un'unica definizione democratica dei loro standard giuridici.
I modelli di analisi economica del diritto, di scuola liberale e riformista socialista, (Università di Pavia, primi del '900) può offrire suggerimenti di approccio al problema, più efficaci della "mano invisibile" liberista che è la moderna versione della "mano morta" clericale: il potere temporale di ciò che sta sempre al di là, invisibile e irraggiungibile.


www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano